Project Description

Cos’è realmente la depressione?

Difficile esprimere in poche parole una malattia così devastante e complessa come la depressione. Alla larghe linee si può dire che la depressione del tono dell’umore è una patologia che conduce il paziente a non avere più prospettive , a non vivere il presente a pensare ad un passato che gli crea angoscia, rimorsi e rancori.

I sintomi che principalmente compaiono nella depressione concernono: tono dell’umore, cognitività, sfera somatica e psicomotricità.

In particolare i sintomi fisici che devono indurre sospetto sono elencati schematicamente rappresentati qui di seguito:

  • mal di schiena

  • dolori al torace

  • cefalea

  • algie diffuse muscolari e scheletriche

  • aumento o riduzione del peso corporeo

  • impotenza e frigidità

  • stanchezza

Possono comparire anche sintomi psichici come per esempio:

  • facile irritabilità (nervi a fior di pelle)
  • disturbi del sonno
  • perdita di interesse in tutte le normali attività che prima elicitavano piacere ed emozioni
  • sentimento schiacciante di infelicità, inutilità e tristezza (vivere senza più avere alcuna speranza)
  • pianto facile
  • ansia
  • movimenti fisici ridotti, un’espressione del viso fissa e mai sorridente
  • tono di voce molto flebile
  • disturbi dell’appetito prevalentemente di tipo anoressico
  • marcato senso di colpa associato ad un sentimento di vergogna e di inadeguatezza
  • marcata visione pessimistica
  • scarsa autostima
  • a volte delirio di colpa.
  • difficoltà di concentrazione
  • ideazione tendente al suicidio

Se compaiono questi sintomi da soli o associati consultare subito il medico che saprà consigliare caso per caso il rimedio migliore.

Bisogna sempre ricordare che oggi i farmaci antidepressivi se somministrati in dosi e per periodi adeguati alla forma depressiva in oggetto possono condurre a guarigione ma non potranno mai curare l’infelicità.

FAQs

Esistono varie forme di depressione, da quella normale indotta da un evento della vita come una perdita , il mancato raggiungimento di un traguardo, conflitti sul lavoro o in famiglia. Una volta anche definita depressione reattiva o situazionale. Il più delle volte questa depressione non va assolutamente curata con antidepressivi, perché il paziente deve metabolizzare il suo dolore.La depressione un tempo definita endogena o primaria è cosa assai più complessa. Si può presentare in forma episodica, ricorrente o cronica. I sintomi sono essenzialmente indifferenza per il mondo esterno, incapacità di entusiasmarsi anche per cose liete, astenia, facilità al pianto ideazione polarizzata, desiderio, appena svegli di restare a letto o di tornarci il più presto possibile. Tutti gli interessi sembrano svanire al prevalere dell’idea della morte. Esistono poi sintomi somatici come cefalea, dolori diffusi, turbe gastroenteriche disfunzioni sessuali, alterazioni dell’alimentazione e del sonno.

Certamente si. È ovvio che bisogna porre una diagnosi precisa e circostanziata, instaurare una terapia elettiva per il tipo di depressione e che la durata sia sufficientemente estesa nel tempo per evitare recidive.

Oggi i pazienti si definiscono depressi al primo malumore. La depressione è una malattia complessa in cui si trovano sintomi fisici e psichici.

La prima cosa da fare è ascoltare il soggetto eventualmente anche i suoi familiari conviventi.

Il viso esprime angoscia e avvilimento, è lamentoso, ma a volte tenta di depistare il medico parlando dei suoi sintomi fisici così insistentemente incentrando il suo malessere su aspetti organici e non psichici rischiando di finire sul tavolo operatorio.

Direi di si! Bisogna stare attenti perché a volte l’ansia può mascherare il quadro depressivo e ricordare sempre che il rischio del suicidio nella depressione è molto alto.

  CARRIERA

ANNI ESPERIENZA 45
PAZIENTI 80000
PUBBLICAZIONI 300
CONGRESSI 130

  ORARI DI RICEVIMENTO

Lunedì – Sabato 9:00 – 13:00
Lunedì – Venerdì 16:00 – 20:00
Domenica Chiuso

  MAPPA

Prof. Covelli risponde

Hai perplessità, curiosità o dubbi riguardanti le diverse forme di patologia? Compila il modulo. Il Prof. Vito Covelli ti risponderà al più presto!