Sei in ❭ attività scientifica

filogenesi della vita emotivo-estintiva

Con tale linea di ricerca si è posto in risalto la funzione dei recettori dopaminergici nell’espressione della vita emotivo-istintiva. Di notevole rilievo è lo studio del comportamento di tali recettori nel corso della filogenesi in invertebrati e vertebrati: l’area limbica sembra essere quella più densa e parallelamente allo sviluppo filogenetico sempre più si amplifica la loro rappresentazione.

Ciò farebbe ipotizzare un perfezionamento funzionale dei circuiti intralimbici nelle specie animali più evolute, tale da consentire una maggiore e progressiva plasticità comportamentale in sintonia con le richieste e le esigenze indotte dal mondo esterno rispetto alle specie meno evolute, in cui tali recettori sono meno rappresentati.

La densità recettoriale Da-ergica è risultata, tuttavia, costante nelle aree striatali in tutte le specie animali in esame, quasi a significare che il sistema extrapiramidale, durante la filogenesi, non abbia subito modificazioni o miglioramenti funzionali sostanziali.