Sei in ❭ attività scientifica

le citochine

Le citochine rappresentano mediatori solubili della immunità cellulare in grado di amplificare grandemente la risposta immunitaria. Inoltre poiché sono dotate di attività pleiotropica, oltre ad agire su cellule immunocompetenti, hanno la capacità di regolare il funzionamento di altri sistemi dell’organismo quali il sistema nervoso, l’endotelio vascolare nonchè la secrezione epatica per quanto concerne la produzione di proteine della fase acuta.

 

In tale contesto sono stati eseguiti degli studi sulla produzione di alcune citochine infiammatorie in corso di disordini  neuropsichiatrici, quali i disturbi fobici e l’emicrania senz’aura. In  particolare ambedue le condizioni morbose evidenziano un deficit di fagocitosi e ciò consente a componenti microbiche di avere facile accesso nell’ospite con successiva liberazione da parte delle cellule monocitarie di citochine quali l’interleuchina-1β o il tumor necrosis  factor-alfa. 

 

I risultati ottenuti hanno messo in evidenza in pazienti con disturbi fobici una aumentata produzione di IL-1β  in sovranatanti di cellule stimolate o non con lipopolisaccaridi batterici. Pertanto questo incremento di IL-1β potrebbe anche essere alla base di una stimolazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene con increzione di ormoni a loro volta responsabili di un automantenimento del disordine neuropsichiatrico.

 

Per quanto concerne invece l’emicrania senza aura, dalle ricerche eseguite emerge che esiste in questi pazienti una stretta correlazione tra presenza di lipopolisaccaridi circolanti (dosati a mezzo del Limulus test) ed elevati livelli di TNF-α. 

 

In particolare questa citochina potrebbe svolgere un’azione a livello dell’endotelio vascolare, promuovendo l’adesione dei leucociti e quindi creando anche disturbi del microcircolo. Negli stessi pazienti, inoltre, è stato anche dimostrato un aumentato rilascio sia spontaneo che stimolato di IL_1β nelle colture cellulari. 

 

(Lettera del Prof. Tom van der Poll; N. Engl. J. Med., 322 (1990) 1622-1627; Cephalalgia, 11 (1991) 65-67)